<blockquote>“La Baviera ha nel proprio DNA la capacità di reinventarsi”.</blockquote>
Wolfgang Ullrich (*1967), storico dell’arte bavarese
“La Baviera ha nel proprio DNA la capacità di reinventarsi”.
Wolfgang Ullrich (*1967), storico dell’arte bavarese

Il BMW Welt di Monaco: capolavoro architettonico e centro di distribuzione della casa automobilistica
Immagine: Manuel Irritier

Made in Bavaria – Global Player IT Digitale Revolution IT Secomba IT Wer hat’s erfunden? IT Energie der Zukunft IT Wo die schönen Dinge wohnen IT Fenster als Sonnenbrille IT DJ LCAW IT Aquarell :: Mädchen IT

Made in Bavaria: Global Player

Radici bavaresi per un successo planetario! BMW e Audi sono leader mondiali nel segmento di autovetture premium. Adidas e Puma hanno conquistato il cuore degli atleti di tutto il mondo partendo dal piccolo Comune di Herzogenaurach, in Franconia. Siemens, Infineon e Linde costituiscono il parametro di riferimento per l’industria dell’high-tech. Forza lavoro ben formata, scienziati di fama mondiale ed eccellenti infrastrutture sono i punti di forza che rendono lo Stato Libero di Baviera un luogo ideale, anche per grandi multinazionali. Basta pensare a Google e Microsoft a Monaco e a Roche, il colosso farmaceutico della Svizzera a Penzberg. Chi aspira al futuro, non può non venire in Baviera.

In alto

Rivoluzione digitale

Tutte le macchine e le loro componenti sono collegate in rete e comunicano tra di loro. Chi controlla l’industria 4.0 si assicura un vantaggio decisivo nella corsa globale al futuro. Heitec AG, con sede a Erlangen, nella Media Franconia, con oltre 250 progetti su software innovativi, meccanica ed elettronica, ha una ottima posizione a livello mondiale. KUKA, con sede ad Augusta, è un leader mondiale nella robotica industriale all’avanguardia.
Immagine: Audi AG

In alto

Andrea Pfundmeier e Robert Freudenreich rendono i dati in rete più sicuri. “Abbiamo respinto un’offerta di acquisto a sette zeri”.

Quando fondarono Secomba nel 2011, ad Augusta, Andrea Pfundmeier, laureata in diritto commerciale, aveva 23 anni e Robert Freudenreich, informatico, 26. “Robert aveva l’idea, io qualche nozione di economia e di diritto”. Robert aveva sviluppato un software per digitalizzare i certificati studenteschi. Per criptare i dati su cloud scrisse il programma Boxycryptor. Nel giro di una settimana il prototipo fu scaricato più di mille volte. “Lo sapevamo di averci visto giusto!”. Oggi il software di criptazione gira su otto sistemi operativi e in oltre 20 fornitori di cloud. “È un sistema unico al mondo”. Il numero di download ammonta a oltre un milione. Hanno rifiutato un’offerta di acquisto a sette zeri dagli Stati Uniti. “Vogliamo fare la differenza, non abbiamo accettato”.

In alto

Chi l’ha inventato?

1873: Per i cercatori d’oro del selvaggio West, Levi Strauss, nato in Alta Franconia, a Buttenheim, realizza robusti pantaloni da lavoro. Oggi tutto il mondo indossa i suoi jeans.
Immagine: Sam Morris/AP Photo/Picture-Alliance

1987: L’MP3, il formato di compressione audio più utilizzato al mondo, è stato sviluppato dal Fraunhofer-Institut di Erlangen.
Immagine: Apple

1895

1895: Una luce che passa sotto la pelle. Wilhelm Conrad Röntgen scopre a Würzburg i raggi X e riceve il primo premio Nobel per la fisica della storia.

1952: Bionda, alta e con la lingua lunga. Come personaggio illustrato “Lilli” intrattiene dal 1952 i lettori della “Bild”. Presto “Lilli” fa carriera come bambola giocattolo, prodotta dalla Hausser, un’azienda della Bassa Franconia. L’azienda americana Mattel ne compra i diritti e porta Lilli sul mercato americano: nasce così Barbie.
Immagine: Barry Lewis/In Pictures/Corbis

1970: Karl Wald, parrucchiere e arbitro nato a Penzberg, in Alta Baviera, rivoluziona le regole del calcio: in caso di un pareggio dopo i tempi supplementari, saranno i calci di rigore a decretare la vittoria, al posto del lancio della moneta o del sorteggio. La regola è applicata in Baviera dalla stagione 1970/1971. Poco dopo anche la Deutscher Fußball-Bund (DFB), la UEFA e infine la federazione internazionale FIFA recepiscono la novità.
Immagine: DPA/Picture-Alliance

In alto

Hans Bürger-Schuster gestisce con la sua famiglia una fattoria a Vogtareuth. “Il nostro calore è cattolico”.

“Siamo agricoltori e produttori di energia. Tramite un impianto fotovoltaico e a biogas produciamo energia che forniamo anche alla chiesa parrocchiale. Possiamo quindi ben dire che il nostro calore è cattolico”, dice sorridendo Hans Bürger-Schuster. Anche nella coltivazione dei campi il 44enne non lavora solo per sé stesso: “Noi contadini siamo importanti per la nostra terra. Produciamo ciò che mangiamo, curiamo e diamo forma al paesaggio. Lavoriamo per la futura salvaguardia dell’intero creato”.

In alto

Il posto delle cose belle

Konstantin Grcic è uno dei più importanti designer industriali dei nostri tempi, in grado di raggiungere i massimi onori della sua professione. È il capostipite della scena creativa di Monaco, il vertice di un albero genealogico che si sviluppa in rami sempre nuovi grazie ai suoi allievi Stefan Diez e Clemens Weisshaar e agli allievi di questi ultimi Steffen Kehrle e Ana Relvão. È grazie a loro se Monaco è diventata la capitale tedesca del design: tutto ciò che c’è di nuovo nel design industriale tedesco viene da qui. La vicinanza all’industria e l’immensa conoscenza di stabilimenti e colleghi sono stati elementi che hanno spinto Ana Relvão a lasciare il proprio ufficio di Lisbona. Ma non solo. La scintilla che l’ha fatta innamorare della città è scoccata in un giorno d’estate, quando tutta la squadra si è incontrata sull’Isar, per un bagno nel fiume seguito da un picnic sulle sue sponde. Monaco non è solo una città funzionale. Monaco è anche semplicemente bella.

Fonte: Sunto dell’articolo “Design aus München. Wo die schönen Dinge wohnen“ di Alard von Kittlitz, pubblicato il 20 febbraio 2014 su ZEITmagazin Nº 09/2014, Amburgo

In alto

La vetreria Lamberts è leader mondiale nel vetro piano soffiato. “Produciamo i più moderni vetri con filtro anti UV del mondo”.

“Perché non mettere la protezione anti UV direttamente nel vetro?”. A questa domanda hanno risposto Reiner Meindl e la sua squadra con un’invenzione pionieristica. “In due anni abbiamo realizzato un vetro soffiato in grado di assorbire direttamente i raggi UV”. Prima di questa invenzione, molte finestre erano rivestite con una pellicola gialla, per proteggere le opere d’arte dai raggi UV in edifici privati, musei e chiese. Dal 2011 tutto il mondo invia i propri ordini a Waldsassen.

In alto
Immagine: Tina Berning

In alto

Il 20enne Leon Weber è uno dei più famosi produttori di remix al mondo. “Mi è appena arrivata una richiesta da Lenny Kravitz”.

Aprile 2013: il 18enne Leon Weber remixa una hit della band indie-folk britannica “Daughter” e la mette online. “Ho solo voluto fare una prova”. La canzone viene ascoltata un milione di volte. Di punto in bianco il ragazzo di Monaco diviene una star. Dietro questo apparente colpo di fortuna c’è una grande competenza. Leon Weber viene da una famiglia di musicisti e lui stesso suona il violoncello in un’orchestra nazionale giovanile. Dopo la sua prima hit, Leon Weber diventa famoso in tutto il mondo come DJ LCAW. Le sue track sono sempre un successo in rete. Le star di tutto il mondo vogliono un suo remix – da ultimo Lenny Kravitz.

In alto

Video

Richiesta di attivazione

Cliccando su questo video, sarà possibile visualizzare in futuro i video di YouTube su www.welcomedahoam.com. Vi preghiamo di notare che, una volta eseguita l’attivazione, i vostri dati saranno trasmessi a YouTube. È possibile attivare in modo permanente la riproduzione dei video con un click o disattivare l’attivazione permanente con il pulsante a destra per la Privacy.

Per maggiori informazioni
In alto